Vai al contenuto

Ucraina Russia, le notizie di oggi sulla guerra | Zelensky: una settimana importante. Kadyrov minaccia: arriveremo a Kiev

a partire dal Lorenzo Cremonesi, Giusi Fasano, Andrea Nicastro, Marta Serafini

News di lunedì 11 aprile con guerra in Ucraina, in diretta: l’Italia firma accordo gas con Algeria e smentisce le accuse di Mosca. Al via l’attacco russo al Donbass

Il 47 scoppiò la guerra in Ucraina e Mosca si affrettò a marciare per portare l’attacco del Donbass, come descritto qui da Guido Olimpio e Andrea Marinelli.
Ieri sono state scoperte alcune tombe e tombe.
• Conflitto tra Italia e Russia: oggi, ad Algeri, il presidente del Consiglio Draghi e il ministro degli Esteri Di Maio firmeranno un accordo sul gas con l’Algeria, per far fronte al ricatto russo, ha detto il capo della Farnesina. Mosca: l’UE mette la Russia in una posizione di svantaggio. Risposta italiana: I ricatti sono coloro che pretendono il pagamento in rubli, violando i termini dell’accordo.
• Gli Stati Uniti ritengono che la responsabilità di scegliere di trattare le persone con crudeltà ricade direttamente sul presidente russo Vladimir Putin.

• Laddove, Putin, segna sicuramente la prima sconfitta, ieri Marine Le Pen è stata battuta da Emmanuel Macron al primo turno delle elezioni presidenziali francesi.

6:15 – Molti cimiteri, con i russi in viaggio verso est
(Lorenzo Cremonesi, inviato a Kiev) Due corpi sono stati gettati sotto un fosso dietro una stazione di servizio all’incrocio dell’autostrada M6 per Kiev e il villaggio di Buzova. La faccia nera è sdraiata nel fango: indossano abiti pubblici, stivali, giacche sporche di terra e inzuppate di pioggia. Li conosco bene, due giovani che si sono offerti volontari come volontari della previdenza sociale. I russi li hanno uccisi. Non credo fossero armati. Una delle due madri è venuta qui per farsi vedere.

4:29 – Ucraina, sirene antiaeree in molti luoghi

Oltre alle principali città dell’Ucraina meridionale e orientale, circa 4:30 segni locali di possibili attacchi aerei hanno cominciato a essere uditi in quasi ogni parte dell’Ucraina. Secondo il rapporto, l’allarme è scattato a Kiev, Lviv, Dnipro, Termopil, Volyn, Zakarpattia, Chernivtsi, Rivne, Ivano Frankivsk, Khmelnytsky, Kirovohrad, Cherkasy, Zhytomyr, Vinnytsia e Sumy.

3.05 – Minaccia il leader ceceno Kadyrov: prenderemo Kiev
Ci saranno ostacoli. Non solo a Mariupol, ma anche in altre zone, città e paesi. Prima libereremo completamente Luhansk e Donetsk, poi prenderemo Kiev e tutte le altre città. Lo ha detto Ramzan Kadyrov, capo della Repubblica russa di Cecenia e comandante delle forze cecene coinvolte nella guerra in Ucraina, in un video pubblicato sul suo canale Telegram.

14:30 – Si sentono sirene antiaeree a sud e ad est della città
Gli attacchi aerei sono tornati a suonare nell’Ucraina meridionale e orientale. L’allerta è scattata poco dopo le 3 del mattino (le 2 del mattino in Italia) in varie città, da Odessa a Zaporizhia, da Kharkiv a Izium, a Poltava. I cittadini sono stati invitati dalle autorità a nascondersi nei rifugi.

2.19 – Nyt: popolo russo pronto all’attacco tra Izium e Dnipro
La Russia è pronta per un’offensiva militare tra Izium e Dnipro, nell’Ucraina orientale. Lo sostengono alcuni analisti statunitensi intervistati dal New York Times, che prevedevano gli attacchi nel Donbass nei prossimi giorni. L’attacco dovrebbe iniziare nella città di Izium e proseguire fino a Dnipro, considerata un obiettivo strategico. Gli analisti – rapporti del NYT – hanno testato le immagini satellitari che mostrano centinaia di veicoli militari diretti a Izium, a circa 230 miglia a est del Dnipro.

1.50 – I russi avanzano verso Mariupol, città divisa in due parti
Le truppe russe hanno catturato una nuova posizione a Mariupol 24 ore fa, in grado di dividere una città ucraina assediata in due settimane. Dice questo – come affermato da Il Conservatore – Un team di esperti del War Studies Center, con sede a Washington, nel suo recente rapporto. I restanti difensori ucraini – circa 3.000 combattenti – sono di stanza nel porto sud-occidentale e nell’acciaieria Azovstal a est.

00.53 – Ucraina: Gb intelligence, nuove prove di criminalità nella guerra russa
Ulteriori prove dei crimini di guerra russi continuano ad emergere dopo il ritiro delle truppe russe dall’Ucraina settentrionale. Ciò include la scoperta di un cimitero temporaneo con morti ucraini vicino a Buzova. Le spie del Dipartimento della Difesa del Regno Unito hanno scritto il rapporto, aggiungendo che le accuse di cattiva condotta sessuale da parte delle truppe russe erano in corso.

00.01 – Zelensky: Arriverà il giorno in cui i russi dovranno ammettere gli errori

Quando le persone non hanno il coraggio di ammettere i propri errori, scusarsi, correggere la verità e imparare, diventano bestie. E quando il mondo li ignora, i mostri decidono che il mondo ha bisogno di abituarsi a loro. Queste le parole del presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un recente messaggio pubblicato su Telegram, in cui garantisce: l’Ucraina fermerà tutto questo. Niente aiuterà la codardia della Russia. Verrà il giorno in cui dovranno riconoscere tutto e accettare la verità.

11 aprile 2022 (modifica 11 aprile 2022 | 06:18)