Vai al contenuto

Ugl Matera invitato al dibattito “If This Is Right”. -Radio Senise Centrale

“Negli ultimi anni è diventato quasi di moda dire che ‘sinistra’ o ‘destra’ non c’è più e ora siamo alle prese con l’ideologia moderna. Niente di tutto questo è vero. Le idee esistono e esisteranno sempre, finché c’è una persona. Il vero problema è che oggi mancano le persone che possano rappresentarli”.

Per questo Pino Giordano dell’Ugl Matera dice accanto al dibattito “…If This Is OK…” svoltosi al Centro Minozzi di Policoro che ha visto la partecipazione dei vertici dei più potenti avvocati. gruppi giusti. Tra questi c’erano, oltre all’Ugl, Egidio Digilio, ex senatore, consigliere regionale per tre legislature e un avvocato, Giuseppe Labriola, storico e convinto sostenitore della destra lucana.

“Non siamo soddisfatti della rappresentanza dei diritti politici ora. Oggi si cercano nuove forze a disposizione per sostenere un nuovo progetto politico: ora è attiva la prontezza del responsabile, pronto a entrare in uno o nell’altro partito politico in pochi minuti – spiega Giordano -. Questo non fa bene alla democrazia. Con il crollo dei partiti politici, dal 1992, ci siamo abituati a usare i cosiddetti ‘due forni’, come li intendevano alcuni nella prima Repubblica. A Ugl Matera va tenuto presente quanto detto che potrebbe non essere come il passato (ci penseranno i libri di storia), ma di trovare oggi un cambiamento popolare: il governo locale della Basilicata non mostra alcun cambiamento e strategia . unità rispetto ai 30 anni di governo della Regione da parte dei gruppi di sinistra, in contrasto con la nostra natura. Dobbiamo credere nei presupposti degli intrighi politici e dei fallimenti, non solo nei semplici calcoli. In Basilicata c’era la possibilità di un centrodestra alla guida della Regione, inserito nel processo elettorale, pragmatico, ideologicamente organizzato, libero da interessi naturali e legittimi, con un interesse per i valori cristiani dove ‘diritto’ si identificava senza voler fare una bandiera politica. E se Bardi governa in Basilicata, non perché il centrodestra ci sia riuscito, ma in termini di centrosinistra perso, privo di idee, valori, metodi di governo. Ecco perché ‘Right’ non ha solo un passato glorioso, ha un presente e un futuro più importante. Il futuro del Governo Locale sconosciuto a questi “politici” migliorati. Digilio, Labriola, Dilnzo e persino Ugl Matera – ha aggiunto Giordano – hanno, quindi, espresso la loro totale insoddisfazione per l’attuale rappresentanza politica. Per questo è necessario intraprendere un progetto che non lasci spazio alla commemorazione dei diritti umani del passato, ma al desiderio di unire i tanti poteri insoddisfatti e nuovi che esistono per sostenere un nuovo progetto politico. Cominciamo parlando dei problemi reali, dove in Basilicata migliaia di persone, tra rete e disoccupati, vivono in uno stato di estremo disagio. L’incidente migratorio continua a creare insicurezza e paura nei lucani. Questa è l’oscura eredità dei governi guidati nel centro sinistra. Pertanto, è necessario un cambio di approccio. Per questo occorre un governo legittimo e stabile, che sappia porsi come interlocutore profondo nelle relazioni con i cittadini. Pertanto, l’UGL come fondamento sociale e forte radicamento nel panorama politico istituzionale si è immediatamente posto l’obiettivo di fornire a questo governo locale un’analisi credibile della situazione economica della regione, soprattutto da un punto di vista ad alta intensità di manodopera, con il Obiettivo di consigliare Forza Italia, gamba e Fratelli d’Italia punta alla Basilicata: ma Bardi ha finora ritenuto opportuno non prestare attenzione a Ugl, ma tutelare un altro sindacato che teme di poter fare. lo attaccò mostrando la sua debolezza anche quando il suo governo era il peggiore di tutti. Non sarà ricordato essere in prima linea nell’affrontare questi cambiamenti, impegnandosi in riforme più importanti che mai nel nostro tempo.