Vai al contenuto

Un pass verde, una combinazione di colori e un addio personale dal 1 maggio. Draghi: “Quasi tutte le barriere sono state rimosse, l’Italia riapre”

Il Covid esiste ancora, le barriere presto scompariranno quasi del tutto. Lo ha deciso il Consiglio dei ministri, che ha detto spento quasi tutto Barriere alla diffusione dell’infezione. Lo ha confermato il premier Mario Draghi in conferenza stampa con il ministro della Salute Roberto Speranza: le misure “rimuove quasi tutte le barriere al nostro comportamento negli ultimi mesi. C’è una graduale sconfitta di dispositivi come il certificato verde “che è stato un grande successo perché ci ha permesso di ricominciare da capo. L’anno scorso l’economia italiana è cresciuta del 6,5% sopra la green”, ha detto il presidente del Consiglio, aggiungendo che il Cdm di oggi”passaggi fondamentali alla riapertura. Prestiamo molta attenzione alla situazione epidemica e siamo pronti ad adattare le nostre apparecchiature per adattarle alla sua comparsa, anche in modo più ampio, se necessario. Ma ora abbiamo fatto questi passi”.

Draghi ha detto grazie per il vaccino “lo erano quasi 80.000 morti sono state evitate soprattutto in Italia solo nel 2021″. Ha poi confermato quanto già annunciato: entro il 31 marzo finirà l’emergenza legata all’epidemia. “In quel giorno scioglieremo il Comitato Tecnico della Scienza, il cui lavoro non è terminato, proseguirà con il Centro Superiore di Sanità e il Consiglio Direttivo della Sanità. Ringrazio anche a nome del governo il professor Locatelli e il professor Brusaferro e tutti i membri attuali ed ex del CTS. , CTS ha dato a supporto straordinario nelle decisioni più difficili assunte da questo e dal precedente governo. Ha anche fornito supporto psicologico in modo che le decisioni potessero essere prese scientificamente e non emotivamente ed emotivamente. Questa è una questione importante”. Il presidente del Consiglio ha poi voluto ringraziare il generale Francesco Paolo Figliuolo – da lui nominato commissario straordinario per l’emergenza – “con la sua struttura, l’esercito italiano, i medici e infermieri, la previdenza sociale e tutti i volontari. Questo ritorno alla normalità li ringrazia anche. i il governo precedente che si sono trovati a prendere decisioni in una situazione di straordinario disagio: il nostro Paese è stato il primo a diffondere il contagio mortale e mortale, e senza esperienza di vaccinazione il governo è stato il primo a riuscirci. il processo decisionale cosa erano limite forte della nostra libertà personale e che ha indubbiamente rallentato la diffusione dell’epidemia”.

Il ministro Speranza ha poi spiegato che il vecchio sistema anti-contagio rimarrà lo stesso: “Le funzioni svolte dal Commissario straordinario in caso di emergenza saranno il capo dell’unità ad hoc” operante al livello che ci accompagnerà. fino al 31 dicembre, poi vai dal ministro della Salute”. Mentre sarà sconfitto “di sicuro combinazione di colori, che ci ha accompagnato per mesi e ha lavorato per adeguare il quadro epidemiologico ad ogni realtà regionale. Continueremo con questo sopralluogo – ha confermato il ministro – perché è importante”, ma “non sarà collegato alle normative” venerdì. Speranza ha poi annunciato che la sospensione lavoratori senza super green pass oltre 50 anni “non accadrà mai più. Basterà fino al 30 aprile che abbiano una base verde da attraversare. La sospensione dal lavoro rimarrà solo nell’elenco di Operatori sanitari e personale ospedaliero e RSA, in questo caso una proroga dell’obbligo al 31 dicembre”. Le leggi attuali sono in vigore. Le mascherine non sono più obbligatorie se non dal 10 febbraio, salvo in concomitanza con il montaggio. Rimangono obbligati al chiuso, con il bond FFP2, in alcune zone ad alto rischio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre guerre, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa due cose: permetterci di continuare a pubblicare un quotidiano online ricco di notizie e approfondimenti, gratuitamente per tutti. Ma anche essere parte attiva della società e partecipare personalmente alla corsa con le battaglie in cui crediamo è pensiero, testimonianza e partecipazione. Il tuo contributo è prezioso. Supporta ora

Grazie,
Pietro Gomez

ilFattoquotidiano.it

Supporta ora

I pagamenti sono disponibili

Articolo precedente

Covid, conferenza stampa del presidente Draghi e del ministro Speranza: segui la diretta

Prossimo

Articolo successivo

Covid, Draghi: “Devo ringraziare il precedente governo, è stato il primo ad affrontare una situazione di straordinario disagio”

Prossimo