Vai al contenuto

va bene per il consiglio nella costituzione del comitato di promozione

Ok giunta capitolina nella costituzione del comitato per promuovere la considerazione di Expo Roma 2030. Approvata la decisione – da sottoporre al convegno – nella costituzione del comitato di promozione e nella proposta di regolamento. I co-fondatori sono i primi promotori del riconoscimento, consegnato ufficialmente lo scorso 3 marzo al Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai.

Il comitato sarà quindi costituito, insieme a Roma Capitale, dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Regione Lazio, Città Metropolitana di Roma Capitale, Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma.

Potranno aderire successivamente altri corsi, pubblici o privati, che siano in grado di dare un contributo significativo al progetto applicativo. La collaborazione con altri comitati, organizzazioni, organizzazioni, organizzazioni, organizzazioni comunitarie, welfare e cultura e altre discipline è predeterminata dal lavoro dei comitati come definito dal regolamento. Il comitato avrà il compito di promuovere, coordinare e predisporre la candidatura di Roma ad ospitare Expo 2030, per attuare le misure necessarie, con particolare riferimento all’alto livello di rappresentanza e promozione del progetto, nel rispetto delle procedure e delle procedure di aggiudicazione . Bureau International des Expositions.

I lavori saranno eseguiti direttamente o con il supporto di Zètema Progetto cultura srl, società di armi di Roma Capitale. Il regolamento definisce, come comitato, una riunione di facilitatori; Consiglio di Amministrazione; il presidente; vicepresidente; vicepresidente; direttore generale. La riunione del comitato elegge il presidente, il vicepresidente, il vicepresidente e il direttore generale.

I membri del Consiglio di Amministrazione sono: presidente del comitato, presidente del consiglio; il sindaco di Roma Capitale, il ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, il segretario di Stato al presidente di gabinetto e il segretario del consiglio stesso, il presidente della regione Lazio, il sindaco dell’area metropolitana. nella capitale Roma, presidente del commercio, impresa, artigianato e agricoltura a Roma, vicepresidente del comitato, vicepresidente del comitato, direttore generale del comitato e, inoltre, fino a due membri del consiglio. nominato dall’Assemblea.

Il presidente del comitato e il direttore generale sono stati nominati dai promotori su proposta del sindaco di Roma Capitale sull’atto costitutivo, per la durata del comitato. I ruoli saranno ricoperti in sequenza, come nella prima fase di riflessione, dall’Ambasciatore Giampiero Massolo e Giuseppe Scognamiglio.

Per sostenere la candidatura, il governo ha stanziato in bilancio per due anni 15 milioni di euro. Roma Capitale, Regione Lazio, Città metropolitana di Roma Capitale e Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma metteranno a disposizione 1 milione di euro ciascuna. Alcuni fondi possono essere ottenuti attraverso sovvenzioni e aumenti di denaro.

“La dichiarazione del Comitato di incoraggiamento è un passo importante nel processo di elezione di Roma per ospitare l’Expo 2030 che abbiamo dimostrato lo scorso 3 marzo a Dubai – ha detto il sindaco romano Roberto Gualtieri – grazie a tutti i fondatori, continueremo e a tutti gli italiani .. L’Esposizione di Roma 2030 è davvero una grande sfida e un’opportunità che non si ripeterà mai nella Capitale e a livello nazionale.