Vai al contenuto

vacanze estive e in via di estinzione

Oltre alla vita quotidiana di migliaia di lavoratoriinflazione Petrolio lo mette a rischio di atti vandalici e del tipo di folla di turisti. Prezzo del petrolio in aumento infatti, ci sono anche difficoltà nelle tasche di compagnie di navigazioneche spendono il pieno delle loro navi 30% in più rispetto a prima (qui si parla di l’esplosione di benzina e diesel che ha sconvolto gli italiani).

Il primo effetto negativo sui motociclisti è aumento del costo dei biglietti della barcain particolare i metodi più popolari su eSardegna al eSicilia. E cos’altro ne causa un altro trasformazione del potere fatica a farsi strada nel settore.

Buone vacanze: l’allarme degli armatori

Stava arrivando la prima chiamata per salire sulla barca Assarmatori. Prendi, ad esempio, il prezzo del carburante di viaggio andata e ritorno tra Genova e Olbiaregistrazione un aumento di 50mila euro. Questo è il 30% in più rispetto alla spesa media di un’azienda. Tuttavia, questa rotta dalla Liguria alla Sardegna non è l’unica rotta in pericolo.

Secondo il presidente di Assarmatori, Stefano Messinale aziende spenderanno 38mila euro in più Napoli-Palermo-Napoli e 27.300 euro in più Civitavecchia-Olbia-Civitavecchia. Una situazione che richiede alle compagnie di trasporto un solo modo: l’inflazione.

Traghetti e prezzi: quanto costa viaggiare in Sardegna e Sicilia

Va sottolineato che le barche attraenti non sono le uniche interessate turisti, ma ancor più di tutti gli isolani. Non solo: l’aumento dei costi lo influirà merci trasportate via marecompresi loro del primo requisito.

E proprio nel trasporto di merci che si registrano i primi risultati di caro petrolio, con adeguamento oneri per mezzi pesanti imbarcati sulle navi. A Genova-Porto Torres, ad esempio, l’incremento di ogni semirimorchio carico è uguale 50 euro. In altre parole Extracosto calcolata per metro di linea (lunghezza utilizzata per misurare i veicoli carichi): tra i 6 e gli 8 euro in più nella Napoli-Palermo, 15 euro in più nella Genova-Palermo e 20 euro in più nella Genova-Malta (qui abbiamo spiegato quanto costa l’IVA e le tasse sul carburante).

Allo stato attuale non è possibile calcolare con precisione il possibile aumento del prezzo dei biglietti per navi e battelli. Quello che sembra certo, invece, è che senza il cambio di approccio le alternative per i proprietari saranno due: disconnettersi dalle isole o aumentare i prezzi dei viaggi in Sardegna, Corsica, Sicilia, Elba e isole minori.

Non perdere le ultime notizie e ricevi i nostri migliori contenuti,
scaricalo gratuitamente dal canale Telegram di QuiFinanza: basta cliccare qui.

Cambi di potenza lenti: quali combustibili vengono utilizzati dalle navi

La questione del prezzo del petrolio ha sollevato un’altra questione del trasporto marittimo: adeguata “resistenza” al cambiamento ambientale (Qui mostriamo che benzina e diesel costeranno meno). Infatti, la conversione di navi in ​​raffinerie come gas naturale liquefatto, ammoniaca e idrogeno.

Al momento Il 90% delle barche utilizza ancora l’olio tradizionalequalcosa chiamato “bunker oil”, un olio denso che è completamente alla mercé di Mercato del Brent. E il pungiglione è stato dato, visto che il prezzo del greggio al barile è ormai stabile più di $ 100dopo aver raddoppiato in poche settimane.