Vai al contenuto

Von der Leyen ricorda alla Cina i famigerati pericoli di mantenere le relazioni con la Russia… dove l’Europa continua a comprare gas!

Questo è un articolo in cui Bruxelles riassume il vertice UE-Cina tenutosi venerdì:

Il 1 aprile 2022 si è tenuto in video il 23° vertice bilaterale tra Unione Europea e Cina. Nell’ambito del vertice, si è tenuto un incontro tra il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il primo ministro cinese Li Keqiang, seguito da un’intervista con il presidente cinese Xi Jinping.Il presidente del Consiglio d’Europa Charles Michel ha dichiarato: “In quanto grandi potenze mondiali, l’UE e la Cina devono collaborare per porre fine alla guerra russa in Ucraina il prima possibile. La nostra responsabilità comune è mantenere la pace e la stabilità e garantire la sicurezza e la stabilità nazionale. Il pianeta. La Cina deve porre fine alla sparatoria in corso, per porre fine a questa guerra irreversibile e per affrontare la grande crisi umanitaria che ha causato.La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Sottolineiamo che l’invasione russa dell’Ucraina significa un cambiamento non solo nel nostro continente, ma anche nelle nostre relazioni con il resto del mondo. Il diritto internazionale deve essere rispettato e la sovranità e la sovranità devono essere rispettate. L’integrità del territorio del Paese deve essere rispettato. “Nessun cittadino europeo capirà il supporto delle armi russe. Inoltre, abbiamo discusso di come lavorare insieme per affrontare varie questioni, come la sicurezza alimentare globale, i cambiamenti climatici e la lotta contro il COVID”.

Offensiva militare russa contro l’UcrainaL’UE e la Cina hanno discusso in dettaglio l’offensiva militare russa contro l’Ucraina, che minaccia la sicurezza globale e l’economia mondiale, nonché la sicurezza alimentare ed energetica. L’UE ha sottolineato che la sua priorità è porre fine all’invasione russa indiscriminata e relativamente innocente dell’Ucraina, paese indipendente e alleato fondamentale dell’UE. L’UE ha inoltre sottolineato l’importanza dell’accesso della Russia all’assistenza pubblica e della protezione dei corridoi pubblici e della prevenzione degli obiettivi e delle infrastrutture dei cittadini.Ricordando che la responsabilità dell’UE e della Cina, in quanto potenze mondiali, è di agire in pace e stabilità, l’UE ha invitato la Cina a sostenere gli sforzi per porre rapidamente fine allo spargimento di sangue in Ucraina. del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e dei suoi legami più stretti con la Russia.L’UE ha sottolineato che l’invasione russa dell’Ucraina viola i principi ei principi fondamentali del diritto internazionale definiti nella Carta delle Nazioni Unite e nei documenti OSCE esistenti, in particolare nel rispetto della sovranità e dell’integrità della regione. In tal modo, la Russia ha deliberatamente minato l’architettura di sicurezza europea, compreso l’Atto finale di Helsinki, la Carta di Parigi e il Memorandum di Budapest, che ha firmato.L’UE ha ricordato che le sanzioni internazionali contro la Russia sono state adottate al fine di porre fine alle violenze della Russia e ciò nonostante il suo forte impatto economico sull’UE e sui suoi partner internazionali. Eventuali restrizioni sulle conseguenze delle sanzioni e qualsiasi aiuto fornito alla Russia aumenterebbero lo spargimento di sangue e porterebbero a più vittime e maggiori difficoltà economiche. L’UE lavorerà con i suoi partner per rendere la Russia ei responsabili della guerra della Russia contro l’Ucraina e di qualsiasi violazione del diritto internazionale e del diritto umanitario internazionale responsabili delle loro azioni. Ogni tentativo di eludere le sanzioni o di assistere la Russia in altro modo deve essere fermato.

Successivamente, la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha commentato la conferenza e i media alle seguenti condizioni:

“Sì, la Conferenza di oggi non si è svolta come al solito. È avvenuta in un luogo molto interessante. È successo contro le origini della guerra russa in corso in Ucraina. E quindi, sarebbe stato bello avere una discussione molto aperta oggi. it non è solo un momento decisivo nel nostro continente, ma anche un momento chiaro nelle nostre relazioni con il resto del mondo.Osservando la realtà del mondo in Ucraina, le sofferenze dei civili, i bombardamenti sulle città, i milioni di persone costrette a fuggire, è chiaro che si tratta di una crisi umanitaria volontaria. Sosteniamo l’Ucraina e il suo popolo mentre affrontano violenze ingiustificate. La guerra è anche una violazione degli stessi principi e principi e, soprattutto, della Carta delle Nazioni Unite. Molti membri delle Nazioni Unite sono uniti nel condannare le atrocità della Russia contro l’Ucraina. Il diritto internazionale, così come la sovranità ucraina e l’integrità internazionale, devono essere rispettati. E, naturalmente, la Cina, in quanto membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ha una responsabilità speciale. Questo è qualcosa di cui abbiamo discusso apertamente e apertamente.Come Unione Europea, ci impegniamo a mantenere il mandato internazionale. Insieme ai nostri partner globali, lo abbiamo fatto. Abbiamo ricevuto significative sanzioni effettive. Un totale di 40 paesi hanno firmato le sanzioni. Quindi abbiamo chiarito che la Cina deve, se non la sostiene, almeno non interferire con le nostre sanzioni. Abbiamo discusso di questo, e anche del fatto che nessun cittadino europeo può capire alcun tipo di sostegno russo per poter continuare la guerra. Inoltre, potrebbe danneggiare gravemente la reputazione della Cina qui in Europa.I rischi delle celebrità sono anche un fattore nella migrazione di società internazionali dalla Russia. Il settore delle imprese segue da vicino gli eventi e valuta lo stato del paese. Questa è una questione di onestà, affidabilità e, naturalmente, decisioni di investimento a lungo termine. Consentitemi di ricordarvi che la Cina e l’Unione europea si scambiano ogni giorno circa 2 miliardi di euro di beni e servizi. In confronto, il commercio tra Cina e Russia è di circa 330 milioni di euro al giorno. Quindi l’escalation della guerra, ei problemi che porta all’economia mondiale, non sono quindi nell’interesse pubblico, non certo in Cina.Oltre all’invasione russa dell’Ucraina e alle sue conseguenze, abbiamo discusso chiaramente le questioni delle due parti. … Infine, questo Vertice è stata per noi un’importante opportunità per esprimere la profonda preoccupazione dell’Europa per la guerra russa e l’invasione dell’Ucraina e la nostra determinazione a ignorare ciò che sta accadendo. E sappiamo che il mondo ha preso una posizione ferma contro questo. “

Ma mentre von der Leyen esorta la Cina a non fare affari con la Russia, l’Europa che rappresenta continua a finanziare la guerra di Putin continuando ad acquistare gas e petrolio dalla Russia. È quindi difficile offrire corsi in altri paesi in questo momento.