Vai al contenuto

Will Smith è stato bandito dagli Oscar per dieci anni

Il “caso” che ha tenuto in dubbio Hollywood e il mondo del cinema per due settimane si è arenato. Will Smith, che da allora si è dimesso da membro dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences dopo che Chris Rock è stato schiaffeggiato alla 94a cerimonia degli Academy Awards il 27 marzo. oggi ufficialmente chiuso da dieci anni al festival degli Oscar e, in generale, in tutti gli eventi dell’Accademia.

Il Consiglio Direttivo ha emesso questa sentenzaLa società è composta da 54 membri, in rappresentanza dei 17 rami che compongono l’Accademia (tre per divisione e 3 membri nominati dal presidente), con figure come i registi Steven Spielberg e Ava DuVernay e gli attori Laura Dern e Whoopi Goldberg.

Questo il rapporto ufficiale diffuso dopo l’incontro di oggi:

“I 94 Oscar sono progettati per celebrare i numerosi numeri nella nostra comunità che hanno svolto un lavoro eccezionale nell’ultimo anno; tuttavia, quei tempi sono stati coperti da comportamento inaccettabile e pericoloso abbiamo visto il sig. Smith suona sul palco. Durante le trasmissioni in diretta, non siamo stati in grado di sistemare adeguatamente la situazione nella stanza. Per questo ci scusiamo. È stata la nostra opportunità di dare l’esempio ai nostri ospiti, spettatori e alla nostra famiglia accademica in tutto il mondo, ma abbiamo fallito, impreparati per un festival senza precedenti.

Oggi, il Consiglio dei governatori ha convocato una riunione per discutere il modo migliore per rispondere alle azioni di Will Smith agli Oscar, oltre ad accettare le sue dimissioni. Il Consiglio ha deciso che, per un periodo di 10 anni dall’8 aprile 2022, Sig. Smith non potrà partecipare a nessun evento o programma dell’Accademia, personalmente o quasi, inclusi ma non limitati a Premi accademici. Desideriamo esprimere la nostra più profonda gratitudine al Sig. Rock mantenendolo fresco in condizioni insolite. Vorremmo anche ringraziare i nostri ospiti, candidati, emittenti e vincitori per la loro calma e compassione durante le nostre trasmissioni TV. Il passo che abbiamo compiuto oggi in risposta alla condotta di Will Smith è un passo verso obiettivi più ampi di proteggere la sicurezza dei nostri artisti e ospiti e ripristinare la fiducia nell’Accademia. Ci auguriamo inoltre che con questa azione possa iniziare un periodo di guarigione e recupero per tutti i soggetti coinvolti e colpiti”.

L’Academy quindi non ha deciso di prendere da Will Smith un ritratto del miglior attore a vincere un film Re Riccardo nella notte degli Oscar a pochi minuti dall’incidente. Come ha dimostrato la differenza, l’Accademia non ha l’autorità per chiedere una cosa del genere, e infatti agli ex membri che sono stati espulsi e condannati per crimini come Harvey Weinstein e Roman Polanski non è mai stato chiesto di restituire le statue che avevano vinto.

La sospensione di Will Smith non significa l’esclusione dalla gara e la vittoria agli Oscar del prossimo decennio, anche se questa stima sembra improbabile, visti gli effetti immediati che l’evento ha avuto sulla carriera dell’attore, con Netflix e Sony che hanno avviato rispettivamente due progetti in lavorazione. È veloce e rilassata al Cattivi ragazzi 4chi dovrebbe vederlo (o, ora, lo vedrebbero?) tra i personaggi.

Continua a leggere optimagazine.com